volto felice triste
Il dilemma – Arikita
30 Ottobre 2016
passione
La passione – Il desiderio sessuale in nuce
12 Gennaio 2017

La Psicosomatica Olistica PNEI in 7 punti

villaggio globale

Ogni giorno assistiamo al traballare della medicina tradizionale e all’avanzare della medicina “alternativa” nelle sue diverse forme. Cosa sta accadendo al mondo medico? Scopriamolo attraverso la prospettiva della Psicosomatica Olistica PNEI (POP).

Cos’è la medicina olistica?

È l’arte e la scienza di curare l’essere umano come unità di corpo, mente e spirito. Recentemente una commissione OMS ha definito la salute includendo anche la dimensione spirituale. In breve, non possiamo curare una persona senza sostenere anche questo piano. La Psicosomatica Olistica PNEI è una parte di questa grande rivoluzione degli assetti della Medicina, che si sta esprimendo secondo la visione di Nitamo Federico Montecucco i questi 7 punti:

UNO: Noi siamo la Terra

Gli esseri umani sono una parte dei microsistemi del pianeta Terra, e fanno quindi parte del grande macrosistema del pianeta. Le malattie degli esseri umani influenzano il pianeta e il pianeta influenza le malattie umane. Pertanto, è fondamentale sviluppare una relazione equilibrata con la Terra, e comprendere che non possiamo esistere senza e grazie ad essa.

DUE: Il malessere globale

È necessario partire dalla comprensione del malessere globale che l’uomo e il pianeta stanno vivendo, che nasce dalla divisione da noi stessi, dagli altri, dalla Terra. La divisione consiste nell’ignoranza della continuità di relazione, di causa ed effetto, dentro di noi, con gli altri, con l’ecosistema; tale ignoranza comporta percezioni, pensieri, azioni errate.

TRE: Testa e cuore dell’essere umano e del pianeta

La nostra società ci ha abituato ad usare la testa al posto del cuore; tuttavia è il cuore il centro del nostro essere. Perciò fino a quando le persone continueranno a vivere soltanto in base alla propria mente discorsiva e razionale mancheranno di comprendere chi sono e cosa vogliono. Uno degli effetti più evidenti di questa chiusura di cuore collettiva, oltre alla mancanza di empatia dilagante, è che la depressione sarà nel 2020, sempre secondo le previsioni dell’OMS, la seconda causa di malattia in tutto il mondo. La depressione si manifesta quasi sempre insieme ad una chiusura del cuore, della nostra affettività. Le persone non possono comprendere i loro bisogni profondi se usano soltanto la testa.

Lo squilibrio fra le energie razionali-mentali e le energie emozionali-intuitive è la principale causa dei disturbi psicosomatici nella nostra società.

QUATTRO: Ritrovare il proprio centro

La salute globale è prima di tutto un processo per ritrovare se stessi, nel ritrovare una coscienza unitaria e globale di sé. Secondo la Psicosomatica Olistica PNEI l’uomo ha 3 aree psicosomatiche generali: testa-mente, torace-emozioni, pancia-istinti. La coscienza globale di sé è il frutto della relazione armonica fra queste 3 aree. La maggior parte di noi, tuttavia, ha sempre di più una testa piena, ingombra, preoccupata, e un corpo privo di sensibilità e vitalità.

CINQUE: La coscienza globale di sé e la Medicina Sacra

sé psicosomatico

Questa coscienza di sé si manifesta, fra gli altri aspetti, come una percezione di sacralità, per esempio con la percezione di unità e non divisione con gli altri, con la percezione di libertà, la gioia di essere vivi, la percezione di spazio senza limiti dentro e fuori di noi. Sono percezioni molto chiare a chi affronta un percorso di risveglio, per esempio con la meditazione.

SEI: La malattia come inconsapevolezza delle leggi dell’esistenza

L’ignoranza delle leggi dell’esistenza, ovvero del funzionamento della vita, genera una disarmonia con l’insieme di cui siamo parte, con la natura. Tale disarmonia è causa delle malattie psicosomatiche. La psicosomatica olistica PNEI, ponendo al centro dell’essere umano la consapevolezza di sé, utilizza strumenti adeguati al fine del risveglio della coscienza interiore, principalmente la meditazione di consapevolezza o mindfulness.

SETTE:  La salute globale è una via di trasformazione planetaria

Cambiando noi stessi e la nostra consapevolezza, possiamo realmente cambiare la nostra società e le sorti del pianeta. Se tante persone cominciano a cambiare, tutta la società può farlo. Sta a noi partire da noi stessi, l’unico essere vivente che possiamo concretamente gestire, per poter quindi generare azioni diverse nel mondo.

Fonte:

Nitamo Federico Montecucco, Psicosomatica Olistica. Ed. Mediterranee, Roma.

Villaggio Globale

Gianluca Ostuni
Gianluca Ostuni
Psicologo, Insegnante MBSR qualificato presso il Center for Mindfulness UMass (fondato da Jon Kabat-Zinn), Insegnante di Mindfulness Psicosomatica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *