tristezza
Lacrime calde – Il sistema della sofferenza
18 Marzo 2017
Divertirsi è apprendere – Il sistema del gioco
26 Marzo 2017

Autobiografia in cinque corti capitoli – Portia Nelson

autobiografia

“Capitolo primo
Cammino lungo una strada.
C’è una buca profonda nel marciapiede.
Ci casco dentro.
Sono perduto,
non posso farci nulla,
non è colpa mia.
Ci metto una vita per uscirne.

Capitolo secondo
Cammino lungo la stessa strada.
C’è una buca profonda nel marciapiede.
Faccio finta che non ci sia.
Ci casco dentro.
Non posso credere di essere ancora nello stesso posto.
Ma non è colpa mia.
Mi ci vuole un sacco di tempo per uscirne.

Capitolo terzo
Cammino lungo la stessa strada.
C’è una buca profonda nel marciapiede.
La vedo benissimo.
Ci casco dentro di nuovo;
è un’abitudine.
Ma i miei occhi sono aperti:
so dove sono.
È colpa ma.
Ne esco immediatamente.

Capitolo quarto
Cammino lungo la stessa strada.
C’è una buca profonda nel marciapiede.
Ci cammino intorno.

Capitolo quinto
Me ne vado per un’altra strada.”

Portia Nelson

 

Dall’automatismo alla scelta consapevole

In questa poesia Portia Nelson ci fornisce lo stimolo per riflettere sul valore della consapevolezza nei propri “errori”.  Nella nostra vita usiamo agire comportamenti che ci arrecano danni. Tuttavia tradurre un errore nell’essere perduti, e quindi darsi una definizione negativa di sé, è un passo molto più ampio e non necessario. E non è cosa da poco notare che spesso siamo così abituati al buio dei nostri errori che impieghiamo molto tempo a trovare modi per uscirne.

Dopo, però, compare la possibilità di ricadere nuovamente nello stesso errore. Se usiamo la nostra consapevolezza, se siamo ben attenti a ciò che stiamo facendo, inizieremo a comprendere che siamo stati noi stessi a scegliere di caderci: è una nostra abitudine, una via ben conosciuta che percorriamo, anche se inefficace. A questo punto compare una possibilità ulteriore: quella di essere consapevoli quando siamo sul punto di scegliere la stessa strada, usando la stessa abitudine dannosa, e darci la possibilità di evitarla. Questa liberazione consapevole dai propri automatismi è uno degli aspetti che sviluppiamo nei corsi Mindfulness.

Gianluca Ostuni
Gianluca Ostuni
Psicologo, Insegnante MBSR qualificato presso il Center for Mindfulness UMass (fondato da Jon Kabat-Zinn), Insegnante di Mindfulness Psicosomatica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *