impermanenza
L’impermanenza – Thich Nhat Hanh
14 Marzo 2016
respirare
Respira
27 Marzo 2016

Come praticare la Meditazione del tè

tè

Se ancora non conoscete la Mindfulness potreste chiedervi: cosa vuol dire fare una meditazione del tè? Se avrete un po’ di pazienza, potrete scoprire una pratica semplice che non richiede molto tempo. Non è nemmeno necessario sedersi nella posizione del loto o fare strane preghiere.

Da adulti ci manca spesso il tempo per sederci, rilassarci e meditare. Al massimo abbiamo solo un paio di minuti per prendere una tazza di caffè, figuriamoci per rilassarci veramente.. Ma anche quando ci prendiamo un break, non ci accorgiamo dell’esperienza sensoriale di bere il nostro tè o caffè. Siamo altrove. Il più delle volte finiamo per essere attratti da qualcosa: preoccupazioni, lavori da terminare in tempo, leggere leggere leggere, correre correre correre. E il nostro momento di pausa è già passato senza che lo abbiamo veramente vissuto.

Un ottimo modo per iniziare a introdurci nella mindfulness e cambiare ritmo alla propria vita è fare la meditazione del tè. Probabilmente, anche se ognuno di noi beve il tè, quasi nessuno si prende il tempo per sentire la ricchezza dell’esperienza che vi possiamo fare. Oltre a darvi una pausa, vi aiuterà a portare attenzione e consapevolezza nella vostra vita.


Ecco i passi per fare una meditazione del tè:

Scegli un momento in cui puoi dedicarti 10 minuti senza essere disturbato. Fai in modo che il cellulare sia silenzioso, chiedi agli altri di non disturbarti.
Porta la tua attenzione alle sensazioni nel momento presente mentre prepari il necessario. Puoi notare il contatto con la tazza da tè, o l’odore della bustina. Ascolta il suono dell’ebollizione dell’acqua nel bollitore, e il suono dell’acqua quando lo versi nella tazza. Oppure puoi sederti e concentrarti sulla respirazione, mentre l’acqua inizia a scaldarsi. Presta attenzione al tuo respiro e segui ogni respiro, con curiosità e gentilezza. Non forzare il respiro, lascialo libero di essere come è.
– Se usi il latte o lo zucchero, osserva come il colore o l’odore del tè si modificano. Osserva ciò che compare ai tuoi occhi, senti i profumi, ascolta i suoni. È tutto già lì nel momento presente.
Ora il tuo tè è pronto. Senti il contatto delle mani con la tazza. Prendi il primo sorso e respira. Ascolta i sapori ed i profumi che si diffondono nel tuo corpo. Il contato del tè caldo con la bocca e il palato. Ogni tè fornisce una grande quantità di sensazioni diverse. Poni attenzione e curiosità a queste sensazioni ed esplorare con accuratezza, senza pensarle. Sentile direttamente.
Dopo aver apprezzato gli odori e i sapori di questo sorso, ascolta le sensazioni che hai in bocca. Che sensazioni avverti insieme al respiro? Di freddo, caldo, di morbidezza, umidità? Quali altre?
Ripeti questi passaggi per ogni sorso. Prova a prenderti almeno cinque minuti per bere questo tè, e nota come ti senti. Ha avuto forse un sapore diverso dalle altre volte? Ha avuto un effetto sul tuo corpo e sulla tua mente?

 

Questo è un grande esercizio da praticare, e lo potete fare ogni giorno, se volete. Vi aiuterà a praticare la consapevolezza e a portare la vostra attenzione su quello che stai facendo in questo momento.

C’è solo questo momento nella nostra vita.

Provalo con tè, tisane e caffè diversi fra loro. Puoi diventare più consapevole delle piccole cose nella tua vita quotidiana e trovare uno spazio lontano dal chiacchiericcio costante della mente, spesso stressante.
Prova a fare questa meditazione e parlane con gli amici. Divertiti a diffondere questa pratica!

Gianluca Ostuni
Gianluca Ostuni
Psicologo, Insegnante MBSR qualificato presso il Center for Mindfulness UMass (fondato da Jon Kabat-Zinn), Insegnante di Mindfulness Psicosomatica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *