Mindfulness Blog
Mindfulness e cancro - Gli effetti del programma MBSR - Mindfulness Sardegna
Mindfulness e cancro – Gli effetti del programma MBSR
26 Aprile 2019

Mindfulness continuum

Mindfulness continuum - Mindfulness Sardegna

Possiamo coltivare la consapevolezza in due modi diversi: come se accendessimo o spegnessimo una luce (on, off), oppure come se accendessimo un falò e via via aggiungessimo un ramo da ardere. Qual è la differenza?

On, off

La distinzione è nella continuità della pratica. All’inizio del percorso non sappiamo di possedere questa risorsa interna, iniziamo ad applicarci e scopriamo il vissuto corporeo, il corpo emotivo e l’area mentale con l’attenzione consapevole. Ci sediamo, accendiamo il motore della mindfulness, ci alziamo, spegniamo il motore.

Più frequentemente: diveniamo attenti al momento presente, ci distraiamo e vaghiamo con la mente, torniamo con l’attenzione al respiro, torniamo nel mondo mentale costruito dal pilota automatico. On, off. Apprendiamo anche che questo andare e venire è naturale e non è un errore.

Tuttavia il nostro intento non è quello di accendere la luce saltuariamente nella nostra vita, per poi lasciarla spenta e tornare a muoverci a tastoni nel buio. Forse non abbiamo compreso a cosa ci serve la luce, siamo presi dagli automatismi che ci fanno credere di essere dei buoni ciechi equilibristi, ma siamo umani e prima o poi cadremo.

Ora, ora, ora

Proviamo ad accendere il falò. Quando accendiamo un fuoco sappiamo che dobbiamo alimentarlo nel tempo se desideriamo che rimanga acceso. Non ci rende immemori come la luce elettrica. Ecco quindi che la nostra intenzione di praticare la mindfulness diviene fondante. Possiamo creare un mindfulness continuum come facciamo durante le sessioni del Programma MBSR.

Se continuiamo ad inanellare momenti su momenti di consapevolezza la mindfulness diverrà una costante nella nostra vita, trasformando il modo in cui la mente funziona e quindi la nostra esperienza. Il fuoco diventa un incendio ed inizia ad eliminare in profondità i condizionamenti che oscurano la nostra esistenza.

Stabilirci nello spazio essenziale

Emozioni nascoste, giudizi, tensioni corporee, in un batter d’occhio siamo spostati dall’essere presenti a pensarci in modo limitato, a reagire impulsivamente, al bloccare le nostre espressioni sul nascere. Tutto questo diventa molto più visibile con il mindfulness continuum, e quindi può essere liberato.

La direzione che stiamo prendendo è quella di tornare allo spazio essenziale del nostro essere. Affacciamoci, guardiamo quello spazio. Entriamoci. Stabiliamoci qui.

Gianluca Ostuni
Gianluca Ostuni
Psicologo, Insegnante MBSR qualificato presso il Center for Mindfulness UMass (fondato da Jon Kabat-Zinn), Insegnante di Mindfulness Psicosomatica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rimani in contatto! Ti aggiorneremo sui corsi in partenza, incontri gratuiti e altre opportunità!

Usando il nostro sito, acconsenti all'uso dei cookie in accordo con la nostra politica su di essi. Scorrendo questa pagina o cliccando sul pulsante "Accetto" di questo banner, acconsenti automaticamente al loro utilizzo. Approfondisci

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi