Mindfulness Blog
Sulla disciplina... naturale - Mindfulness Sardegna
Sulla disciplina… naturale
1 Marzo 2020
Usi l'esercizio RAIN? Una nuova pratica mindfulness - Mindfulness Sardegna
Usi l’esercizio RAIN? Una nuova pratica mindfulness
15 Aprile 2020

Dunque c’è la luce – Chandra Livia Candiani

Dunque c'è la luce - Chandra Livia Candiani - Mindfulness Sardegna

Una poesia di Chandra Livia Candiani. Può essere un sostegno in questo periodo di grandi trasformazioni personali e sociali. Leggiamola:

 

Dunque c’è la luce
e ogni foglia è attaccata al ramo
con esatto amore
e ogni foglia in orario
lascia il ramo
con audace resa
e ogni uscire dalla soglia
del corpo è ricevuto
con unanime benvenuto
da quella scienza della gioia
che proprio ora proprio qui
riempie il foglio di ghirigori
per dirti che dunque
la luce c’è.

Chandra Livia Candiani

 

Nella trasformazione

Questa poesia della Candiani, poeta e insegnante di meditazione vipassana, ci parla dei passaggi. Ognuno di noi vive dei passaggi molto evidenti in questo periodo di pandemia da COVID-19. Qualcuno di noi ha subito qualche perdita, come l’albero la foglia. Qualcuno ha vissuto un nuovo arrivo, come l’albero e la sua foglia attaccata. Potrebbe sembrarci qualcosa di terribile doverci staccare dal corpo, ma potremmo riflettere sul quadro generale: le foglia non nasce anche per poi staccarsi? Questa riflessione potrebbe portarci molto più avanti del conosciuto e forse ridondante dolore della perdita.

Chandra Livia Candiani va oltre: ci dice che ogni uscita dalla soglia del corpo è accolto dalla scienza della gioia. Forse potremmo raccogliere il senso di queste parole tornando al respiro. Ascoltiamolo per un attimo in silenzio. Fatto? Il respiro viene e va. Il respiro va e viene, ma non è forse insito in questo andare e venire la libertà? Proviamo ad essere come il respiro. Andare e venire, muoversi e restare fermi, svegliarsi e dormire, sempre restando sciolti in questo movimento. Il respiro non si ferma in qualche punto. Così potremmo fare anche noi e toccare quella scienza della gioia. La scienza del non essere identificati, la scienza del non pretendere, del fluire, dell’amore quello che c’è. Di essere quello che c’è. Di essere espansione e svuotamento, vivere e morire… e la luce c’è. La luce è essere tutto questo ed essere oltre tutto questo.

Gianluca Ostuni
Gianluca Ostuni
Psicologo, Insegnante MBSR qualificato presso il Center for Mindfulness UMass (fondato da Jon Kabat-Zinn), Insegnante di Mindfulness Psicosomatica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Usando il nostro sito, acconsenti all'uso dei cookie in accordo con la nostra politica su di essi. Scorrendo questa pagina o cliccando sul pulsante "Accetto" di questo banner, acconsenti automaticamente al loro utilizzo. Approfondisci

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi