accettazione - Mindfulness Sardegna
Accettazione – Sesto pilastro
6 Ottobre 2017
Mindfulness Sardegna - Settimo pilastro - Non attaccamento
Non attaccamento – Settimo pilastro
24 Ottobre 2017

I gigli del campo e gli uccelli del cielo – Kierkegaard

Kierkegaard - Mindfulness Sardegna

“Il giglio e l’uccello, i gioiosi maestri di gioia, sono la gioia stessa perch√© sono incondizionatamente gioiosi. Colui infatti la cui gioia dipende da determinate condizioni non √® la gioia stessa, la sua gioia √® nelle condizioni, √® condizionata da esse. […] Ma il loro insegnamento di gioia, che di nuovo la loro vita esprime, √® con grande brevit√† il seguente: c’√® un oggi che √® – s√¨, un’enfasi infinita cade in questo √®. C’√® un oggi e non c’√® nessuna, proprio nessuna preoccupazione per il domani, o per il giorno seguente. Non √® leggerezza quella del giglio e dell’uccello, √® invece la gioia del silenzio e dell’obbedienza. Perch√© quando tu taci nel silenzio solenne, quale √® in natura, non esiste domani; e quando tu obbedisci, come obbedisce il creato, non c’√® il domani, quel giorno maledetto, l’invenzione della chiacchiera e della disobbedienza. […] Che cos’√® la gioia, che cos’√® essere gioiosi? √ą essere davvero presenti a se stessi. Ma l’essere davvero presenti a se stessi √® questo ¬ęoggi¬Ľ, √® essere oggi, essere davvero oggi”.

Kierkegaard

 

Dalle condizioni all’incondizionato

Il filosofo e scrittore danese ci offre un testo attraverso cui possiamo scorgere diversi spunti di riflessione. Uno di questi √® quanto la nostra gioia, la nostra felicit√†, dipenda dalle condizioni o quanto invece sia sempre presente, ma inaccessibile se la mente si dispone in modo da non vederla. Se ci aspettiamo che si avveri qualcosa,¬†di raggiungere un obiettivo, di portare a termine un compito per essere felici, la nostra esperienza seguir√† questa strada e ci ritroveremo a rincorrere un “poi” che Kierkegaard dice essere invenzione del linguaggio e della disobbedienza alla natura. Se invece seguiamo l’esempio degli altri essere viventi, un fiore, un volatile, possiamo scorgere un modo diverso di vivere: quello di un totale abbandono nel presente.

Nei corsi di Mindfulness sviluppiamo questa pratica, coltivando una attenzione continua a ciò che ci accade ora, proprio ora, attimo dopo attimo dopo attimo. Attraverso la pratica un modo diverso di stare con le nostre esperienze può fiorire, espandersi e portare frutti benefici per il nostro corpo, il nostro cuore e la nostra mente.

Gianluca Ostuni
Gianluca Ostuni
Psicologo, Insegnante MBSR qualificato presso il Center for Mindfulness UMass (fondato da Jon Kabat-Zinn), Insegnante di Mindfulness Psicosomatica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *